Green pass, Di Meglio: nota del Ministero smentita anche dal governo

Green pass, Di Meglio: nota del Ministero smentita anche dal governo

Provvedimento fumoso e frammentario, viale Trastevere lo annulli e lo sostituisca in conformità alla normativa vigente

20/12/2021

“Errare è umano, perseverare è diabolico. Un proverbio che, evidentemente, è ben conosciuto al Ministero dell’istruzione. Dopo la nostra levata di scudi contro l’illegittimità della nota emanata il 17 dicembre, che estende l’obbligo vaccinale al personale assente per malattia o altri motivi, anche il Governo smentisce il provvedimento. Eppure, cocciutamente, viale Trastevere si ostina a non voler tornare sui suoi passi”. Ad affermarlo è Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti, in merito alle disposizioni che inducono i dirigenti scolastici a effettuare il controllo del Green Pass nei confronti dei lavoratori assenti.

“Si tratta di un provvedimento fumoso e frammentario, – spiega Di Meglio – tirato fuori dal cilindro nello stesso giorno in cui la Presidenza del Consiglio dei ministri ha emanato disposizioni chiare e puntuali che precludono ai dirigenti scolastici di effettuare questi controlli nei confronti dei lavoratori che non si trovano attualmente in servizio. La situazione è paradossale e pone in evidenza l’inadeguatezza dell’intervento ‘interpretativo’ adottato dall’Amministrazione scolastica, che sta creando ulteriore ansia, incertezza e confusione, aggravando una situazione già di per sé drammatica”.

“Invece di perseverare cocciutamente nell’errore, – afferma Di Meglio – sarebbe quanto meno opportuno che viale Trastevere intervenisse annullando la nota e sostituendola con un’altra che risulti conforme alla normativa vigente. Molti dirigenti scolastici, infatti, applicando le disposizioni ministeriali, hanno già avviato le procedure che potrebbero portare alla ingiusta sospensione di lavoratori assenti che risultano attualmente sprovvisti del Green Pass”, conclude il coordinatore nazionale.

Roma, 20 dicembre 2021UFFICIO STAMPA GILDA INSEGNANTI

Obbligo vaccinale, la nota del Miur crea solamente conflitti

Obbligo vaccinale, la nota del Miur crea solamente conflitti

Le note ministeriali possono solo essere applicative delle leggi e non creare ulteriori gravosità per una categoria che si è sottoposta alla vaccinazione per oltre il 95%

La nota del Miur che estende l’obbligo vaccinale al personale assente per malattia o altri motivi è illegittima e crea confusione.
Le note ministeriali possono solo essere applicative delle leggi e non creare ulteriori gravosità per una categoria che si è sottoposta peraltro alla vaccinazione per oltre il 95%.
Abbiamo l´impressione che tanto accanimento serva solo a generare una cortina fumogena per nascondere la mancata capacità di intervenire su spazi, organici e trasporti pubblici.

“Gli insegnanti meritano rispetto – sottolinea Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti – e non si accontentano delle citazioni del romanziere spagnolo José Ángel González Sainz o di Nicolais e Festinese, riportate in una nota che finirà per accrescere solo il contenzioso tra personale scolastico e dirigente. Il Miur, in quel documento, interpreta in modo singolare il criterio per individuare ‘personale in servizio’, ritenendolo tale anche se di fatto è assente per legittimi motivi, contraddicendo la propria precedente circolare del 7 dicembre scorso”.
La nota interpreta infatti poeticamente il Decreto legge che, all’articolo 2, comma 2 afferma che “la vaccinazione costituisce requisito indispensabile per l´attività lavorativa” è quindi ovviamente inapplicabile a chiunque non svolga per legittimo impedimento l´attività lavorativa.
Il poetico funzionario dimentica poi che l’aspettativa per “infermità” cui fa riferimento non esiste più nel contratto della scuola dal lontano 1995. Da quel momento è divenuta infatti assenza per malattia.
La parola infermità – conclude il coordinatore nazionale di Gilda – nel vocabolario ha un significato molto diverso da quello che vuole intendere il Miur e non è un termine giuridico.
Nel nostro sistema giuridico non esiste un´assenza per infermità che non sia la malattia prevista dal Ccnl.Ma se per assurdo esistesse una tale differenza, si dimentica comunque che il datore di lavoro può conoscere solo la prognosi e non la diagnosi, essendo impossibilitato quindi a distinguere tra un tipo di malattia e l’altra.
E’ opportuno quindi che si “chiariscano” subito gli errori della “nota di chiarimenti”.

Roma, 20 dicembre 2021
UFFICIO STAMPA GILDA INSEGNANTI

Sciopero 10 dicembre 2021

Sciopero 10 dicembre 2021

Sciopero 10 dicembre 2021

Proclamato lo sciopero generale di tutto il personale docente, Ata ed educativo del Comparto Istruzione e Ricerca – Settore Scuola per l’intera giornata del 10 dicembre 202

La Gilda invita i docenti ad aderire allo sciopero unitario, indetto con Cgil, Uil, Snals, soprattutto per i seguenti motivi:

1.  La scuola ha diritto a stipendi dignitosi, no alle elemosine!

2. Tutto il lavoro va retribuito. No all’obbligo formativo gratuito!

3. Stop alle leggi ammazza-contratto e agli atti unilaterali!

4. No alle riforme “a invarianza d’organico”. La scuola ha bisogno di risorse umane, docenti e ATA!

5. Si a un sistema strutturale e permanente di abilitazioni per superare l’emergenza del precariato!

6. Si all’insegnamento, no alla burocrazia!

7. Si alle autonomie con 500 alunni, la logica dei tagli e accorpamenti non ha pagato!

8. No alla regionalizzazione della scuola!

Sciopero 10 dicembre 2021

Convocazione assemblea provinciale Gilda Ins. Salerno per il rinnovo degli Organi Statutari

Oggetto: Assemblea congressuale per il rinnovo degli Organi Statutari

L’Assemblea Congressuale della Gilda degli Insegnanti di Salerno è convocata, per il giorno 12 ottobre  2021 alle ore 23.00, in prima convocazione ed in seconda convocazione il giorno 13 ottobre 2021 alle ore 16.30, per procedere al rinnovo degli Organi Statutari per il quadriennio 2021-2025.

L’assemblea e le successive operazioni di voto si terranno da remoto su piattaforma Sky Vote . Per essere accreditati all’assemblea ed alle operazioni di voto, bisogna inviare i seguenti dati entro e non oltre lunedì 4 ottobre 2021 al seguente indirizzo email :  congressogildasalerno@gmail.com Cognome e nome – codice fiscale – cellulare – indirizzo email.

Si precisa che i dati richiesti sono obbligatori  per un accesso protetto ed esclusivo.

Il link per l’accesso all’assemblea sarà inviato sulla mail indicata, mentre sul numero di cellulare si riceverà un SMS con il PIN unico. Il PIN è necessario per l’autenticazione alla piattaforma sia in fase di ingresso che di voto.

Saranno ammessi al voto tutti gli iscritti presenti nei tabulati del tesoro di settembre 2021 previa verifica da parte della commissione elettorale.

Per consentire la preparazione del materiale elettorale, si invitano gli iscritti a presentare le candidature agli Organi Statutari entro il giorno 04 ottobre 2021, presso la sede provinciale della Gilda degli Insegnanti di Salerno, in via F. Farao N° 4  – 84124 – Salerno. (si rammenta che come previsto nel regolamento Gilda Ins. si possono candidare solo gli iscritti da almeno 12 mesi).

Salerno, 16 settembre  2021                                   

                                                                                                                                            F.to Il Coordinatore provinciale

                                                                                                                                                    Prof. Domenico Ciociano

Scarica la convocazione con l’ordine dei lavori Convocazione assemblea Gilda 2021 PDF